Vai menu di sezione

Presepi e Musica

Natale: festa della Natività. È a partire da quest'idea che il Comune di Ossana, prodigo in creatività e fantasia, nell'anno 2000 ha promosso per il Natale una manifestazione che tra sacro e profano, da allora rivive ogni anno.

Fin dai primi secoli dell'era cristiana la nascita di Gesù, evento centrale della redenzione dell’uomo, venne raffigurata a mezzo di affreschi, bassorilievi ed incisioni. In seguito si passa da questa tipo di raffigurazione ad una rappresentazione plastica a tutto tondo della scena della Natività, ma anche dell'Adorazione dei pastori, dell'Adorazione dei Magi e dell’Annuncio ai pastori. Qualcuno fa risalire "l'invenzione del presepe" a San Francesco, anche se di fatto la sua realizzazione non ha una data precisa di "nascita", ma si è andato formando attraverso un insieme di usi, tradizioni, costumi tipici di paesi e regioni. Il presepio della nostra tradizione è costituito da statuette lignee (ma anche di gesso) policrome, elementi che richiamano attività artigianali locali e comunque accanto alla capanna/grotta dove nasce Gesù, un ambientazione rurale con pecore, laghetti, mulini e casette. Il tutto su un verde muschio profumato. Sullo sfondo non possono quindi mancare le montagne imbiancate di neve ed un cielo stellato con una grande cometa in primo piano. È questo il presepio delle nostre case e chiese, che ha partire dall'anno 2000, non senza qualche variante, "esce" dalle nostre dimore e va ad occupare alcuni tra gli angoli più suggestivi del nostro Comune. Il presepio, testimonianza dell’autentica religiosità della nostra comunità, diviene così accessibile alla visita di passanti e turisti.
Osservando i presepi che ogni anno mutano ed abbelliscono la loro collocazione, ci accorgiamo di quanta perizia e sapienza sprigionino, molte sono state le rivisitazioni personali della natività, molte le tecniche utilizzate e molti i materiali impegnati: passione ed amore per il Natale.
Ai percorsi di "presepi" sono affiancati altri momenti di aggregazione per approfondire e ricercare la nostra storia e le nostre tradizioni. Un appuntamento da non perdere diventano quindi le rassegne corali e musicali ed i mercatini artigianali che offrono ai visitatori prodotti tipici e specialità gastronomiche.

Pagina pubblicata Venerdì, 22 Dicembre 2017

Valuta questo sito

torna all'inizio